Cronaca di una morte annunciata

Su consiglio di alcuni amici della mailing list interna al nostro clan, che ringrazio di cuore per la segnalazione, ho voluto oggi redarre una riflessione che ritengo doverososa nei riguardi di una ragazza morta in Iran, il cui video degli ultimi attimi della sua giovane vita è stato ripreso e mandato in onda in tutto il mondo (in Italia solo in tralice a qualche TG, finanche tagliato, come al solito). E’ un video forte che mostra un modo orribile di morire. Tutto per la Libertà… gli iraniani si stanno facendo uccidere per conquistare una cosa che non hanno mai avuto mentre noi qui in Italia ci stiamo facendo togliere, progressivamente e passivamente, quello che i nostri bis-nonni e nonni ci hanno donato con il sacrificio delle loro vite! Questo dovremmo ficcarcelo in testa, ben impresso e a lettere cubitali!

… povera ragazza… ha manifestato per il diritto di una vita migliore, invece ha trovato la morte… e noi qui in Italia a non fare un cazzo per loro, mentre i nostri telegiornali si preoccupano solo se il Presidente del Consiglio ha fatto questo o quel festino! Una vergognosa cronaca tutta italiana che non ha bisogno di commenti… che paese insulso e povero di contenuti è diventato il nostro? Ci siamo adagiati sugli allori ed ecco il risultato… Tutti quei manifestanti iraniani sanno perfettamente che se rimane Ahmadinejad al governo rischiano di ritrovarsi presto con piogge di bombe americane sulla testa. Gli americani questo attendono con trepidazione: un passo falso di quel dittatore maledetto per spazzarlo via dalla faccia della Terra e dare il via ad una seconda guerra mediorientale. Il problema è che, come in ogni guerra, chi ci andrà di mezzo saranno i civili inermi, che non vogliono assolutamente partecipare ai vaneggi di quel despota maledetto… ed eccoli a manifestare nelle piazze, consapevoli dei rischi che corrono nel dichiarare il loro dissenso alla dittatura che oggi li attanaglia… una dittatura strettamente legata ai capi religiosi, quindi ancora più bieca e falsa… più corrotta…. più sporca di qualsiasi altra dittatura ci sia stata sinora sul nostro pianeta! E noi europei cosa facciamo per aiutarli? Niente… non facciamo nulla. Noi osserviamo e riflettiamo sulle disgrazie altrui senza muovere un dito o versare una lacrima! Noi europei, gli “occidentali”, che tanto amiamo sbandierare a destra e a manca gli ideali di Libertà e Democrazia in viso a questi Paesi, capeggiati da despoti, siamo invero solo in grado di produrre armi e venderle al miglior offerente! Siamo succubi di patti che non vengono rispettati, di ideali frantumati dall’ozio. Siamo benestanti della libertà guadagnata con il sangue dei nostri avi e non siamo in grado di aiutare chi si sta facendo uccidere in maniera cruenta, come quella ragazza, nei cui occhi si leggeva l’ineluttabile sensazione di una vita ormai prossima all’addio… tutti i suoi sogni, tutte le sue speranze, il suo amore, i suoi affetti… persi in un solo attimo per una parola sinonimo di morte…. Libertà! Per la conquista della Libertà si muore sempre ed è quello che è capitato ad una ragazza che ha partecipato attivamente affinché questa parola sacra possa un giorno divenire una realtà nel suo Paese, una ragazza che non aveva poteri di giurisdizione oppure manifestava armata…. era motivata solo dalla speranza di una vita migliore, che gli è stata negata dagli spietati ordini di un despota maligno, che meriterebbe di morire lentamente ma con la sommatoria delle atroci sofferenze elargite con freddezza e crudeltà a migliaia di persone che hanno avuto il coraggio di contrastarlo nella sua ascesa al potere.

Rimarranno impresse a tutti noi le grida di sofferenza delle persone accanto a quella ragazza negli ultimi attimi della sua giovane vita. Sono grida che lacerano l’animo… Vi esorto a non dimenticarla mai, conservando il ricordo di quella giovane vita nel cuore… facciamo in modo che non sia stato un gesto vano il suo…

Francesco Sorrentino

2 Responses to “Cronaca di una morte annunciata”


  1. 1 andreasposato 22 giugno 2009 alle 19:10

    Se qualcosa possiamo fare per l’Iran è garantire la libertà di informazione, “l’informazione alternativa”, l’informazione vera.
    Le persone devono essere informate, su questo e su altro.
    Questo filmato deve girare, devono vederli tutti, anche i più giovani.
    Ogni dittatura limita l’informazione, e dittatura non è solo quella in Iran o a Cuba o in molti paesi Africano, la dittatura comincia con qualsiasi limitazione, restrizione e manipolazione dell’informazione.
    L’Italia sotto questo aspetto si sta avviando, come scritto da te, a distruggere tutto quello per cui i nostri avi hanno lottato, anche con la vita.

    http://andreasposato.wordpress.com/2009/06/22/una-ragazza-di-teheran/

  2. 2 ryoxyz 22 giugno 2009 alle 22:29

    Come non dar ragione alle vostre parole. La libertà, un dritto che DEVE essere assolutamente di tutti, in molti paesi è solo un miraggio. Ma che mondo è il nostro? Nel 2009 siamo ancora costretti a vedere e subire queste cose? Vergognatevi dittatori, uomini di guerra e porci egocentrici senza coscienza! La mia sola speranza è che prima o poi la morte possa farvi provare le atrocità che avete provocato e che purtroppo continuerete a provocare rimanendo ingiustamente tra i vivi!


Comments are currently closed.



Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Segui assieme ad altri 383 follower

Zeirus’s Twitter Page

Categorie

Archivio


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: